Foto 14 04 18, 10 10 52

CONVEGNO ARTISTICA-MENTE_ Educazione alla cittadinanza

Sabato 14 aprile si è svolto presso la Sala delle Costituzioni il convegno Artistica-Mente dedicato al tema dell’educazione alla Cittadinanza.

Oggi a 70 anni dalla nascita della Costituzione l’educazione alla legalità sembra essere un tema talmente vasto che, per essere studiato a fondo, necessita sicuramente di diversi punti di vista.

Legalità è infatti un concetto chiaramente legato alla Costituzione ed ad un diritto, ma è altresì un valore interpersonale, morale, un ordine di convivenza, come spiega il Dott. Vincenzo Satta.

Come possono quindi convivere la parte meramente giuridica con la quotidianità di tutti giorni nel rispettare le regole? Il punto d’incontro per una convivenza civile che lega un diritto ai rapporti interpersonali è sicuramente la consapevolezza di appartenere a una costituzione, di essere parte integrante di un contesto sociale e culturale. La domanda successiva allora è come trasmettere questo senso di appartenenza ai giovani, e come educarli alla cittadinanza?

A rispondere a questa domanda sono I Dott. Caimi e Terzi, rispettivamente Direttore del centro studi di Brescia e Sociologo e formatore dell’Associazione sulle Regole.

Entrambi hanno coltivato una lunga esperienza con i ragazzi ed entrambi hanno riscontrato un distacco, temporale ed emotivo, tra le nuove generazioni e la Costituzione. Il nostro caro testo, arrivato ai 70 anni di vita, non è spesso lo strumento idoneo per trasmettere valori, regoli, doveri e modelli.

Caimi e Terzi hanno invece ribaltato la situazione facendo così che fossero i giovani stessi a “Scrivere” e a dar vita alla Costituzione. Laboratori, spazi di riflessione, raduni, attività teatrali, condivisione… sentirsi quindi protagonisti, ascoltati e al tempo stesso parte integrante di un gruppo.

È così declinando i valori della costituzione al linguaggio e al sentire dei ragazzi si permette a tutti di leggere il testo non come un insieme di diritti e regole rigide ma come frutto di norme per una buona convivenza.

Il convegno dunque, iniziato con una definizione giuridica, è arrivato a delineare azioni concrete di educazione e formazione, azioni che hanno preso vita nei workshop pomeridiani condotti dai “cuori” del CRT Teatro Educazione di Fagnano Olona,  i dottori Oliva, Miglionico e Pirato.

 

“L’educazione è un percorso che permette alla persona di realizzarsi. Quindi in questo caso «educare» vuol dire «accompagnare la capacità di esercitare la libertà».

 

Ringraziamo quindi Il Rettore della scuola Superiore per Mediatori linguistici, Dott. Antonio Colombo

I brillanti relatori: Dott. Gaetano Oliva, Dott. Vincenzo Satta, Dott. Luciano Caimi e Dott. Alberto Terzi

L’istituto Carolina Albasio di Castellanza e il CRT Teatro educazioni di Fagnano Olona con i suoi operatori culturali Dott. Miglionico e Dott. Pirato

Grazie a tutti e soprattutto a chi ha dedicato il suo tempo per una riflessione e un confronto costruttivo

 

×

Powered by WhatsApp Chat

× Come posso esserti utile?